Cavalcare le tendenze social

È inevitabile. Quando esce l’iPhoneX sai già che su facebook quasi non si scriverà d’altro per giorni, fino alle prossime amenità tecnologiche, guerre nucleari, uragani terrificanti, leggi liberticide e cavalli con cinque gambe.

cavalcare l'onda dei social network

cavalcare l’onda dei social network

 

Una delle cose più interessanti dal punto di vista sociologico è che il trend topic sui social network ti porta a dire la tua anche se di un certo argomento hai poca conoscenza e ancor meno interesse. Qualcosa devi dire, altrimenti è come se in qualche modo venissi squalificato in quello che per alcuni è vissuto come un gioco (quelli sani), ma per altri rappresenta un imperativo ineludibile di partecipazione, come l’obbligo di firma per le persone in regime di libertà condizionata.

Se a un certo punto tutti scrivono dell’iPhoneX, devi per forza inventarti qualcosa di brillante o quantomeno molto condivisibile altrimenti scatteranno meccanismi di esclusione che a livello percettivo ti porteranno a dubitare della tua stessa esistenza. A beneficiare maggiormente di quest’ordine di cose sono gli stessi social network, perché ottengono contenuti GRATIS, utilissimi a far girare annunci pubblicitari mirati. Come (credo) dicono a Roma, “bellapettè“.

 

Dipendenza dai social network

Ne ho già scritto qualche giorno fa, è una brutta bestia. Se lo smartphone è sia il primo che l’ultimo appuntamento della tua giornata, hai un problema di dipendenza per il quale tra l’altro non esistono centri di disintossicazione. Quando credi di esserne fuori, di essere diverso, posti per lamentarti del fatto che tutti parlano dell’iPhoneX, e senza rendertene conto ci sei finito dentro con tutte le scarpe.

Sul serio, per cercare di distogliere l’attenzione ho postato un articolo di Butac sulle vere cause del crollo dell’edificio 7 del World Trade Center, ma non è servito a niente, l’iPhone è l’iPhone, Gandalf direbbe: il potere dell’anello non può essere sconfitto. Ma l’anello non è la Apple, è facebook in sé, con le sue dinamiche sempre meno striscianti e più palesi.

 

Piovono Buondì

Qualche giorno prima non si parlava d’altro che di meteoriti sulla famiglia della bambina desiderosa di una colazione che “coniugasse la sua voglia di leggerezza e golosità”. Che poi a me ha sempre fato simpatia la bambina. I trend topic, facci caso, hanno sempre la caratteristica di dividere le voci in pro e contro. Autorevoli commentatori come Bruno Ballardini e Fabio Sutto, hanno espresso giudizi molto negativi sulle scelte di comunicazione di Saatchi & Saatchi, l’agenzia pubblicitaria che ha ideato lo spot. da parte mia ho notato invece che questi spot multi soggetto hanno riscosso un grande successo proprio per la polemica sollevata dall’Aiart, l’associazione cattolica dei telespettatori, che ha annunciato una comunicazione all’Istituto di auto-disciplina pubblicitaria, all’Agcom e alla Rai affinché valutino se contenuti del genere possano essere trasmessi in qualunque orario del giorno. Ora, nonostante NON avessimo mai sentito nominare l’AIART una notizia simile, uscita su Repubblica è stata sufficiente a creare una polarizzazione fortissima in poche ore.

Hai fatto caso che spot è l’anagramma di post?

 

Come sfruttare un trend topic

Dal momento che non possiamo sconfiggere questo nemico, tanto vale allearci con lui. Uno spostamento di attenzione di tipo massivo su un argomento che divide le persone in fazioni nettamente contrapposte, è un’opportunità d’oro per far passare i nostri contenuti nelle discussioni, a patto di guardarsi dalle formule comunicative da “sciacalli” e di evitare lo spam posting nei commenti sulle discussioni più seguite.

Si tratta semplicemente di fare come facebook in casi del genere: sfruttare la “monotonia” nella distribuzione dei topic per ampliare la portata di un annuncio in topic. Quando il tuo feed ti parla 9 volte su 10 di un solo argomento, è più probabile che un tuo messaggio a tema venga visualizzato da un numero maggiore di persone. A quel punto la partita si giocherà sull’originalità del messaggio, sul valore che trasmette e sull’effettiva pertinenza con il trend topic.

Non giudicare gli altri, osservali. Osserva te stesso.

 

Rispondi all'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.