Cos’è l’Hosting

cosa-è-hosting

cos’è l’hosting

Abbiamo pensato di scrivere quest’articolo, perché partecipando alle varie discussioni online, notiamo spesso che ci si confonde sulla differenza tra hosting e server. Non crediamo sia un problema semplicemente legato ai termini utilizzati, piuttosto è importante capire cosa significano queste due parole dal momento che rimandano a servizi che vengono acquistati ogni giorno da tante persone la cui unica necessità è sviluppare un sito web e portarci traffico.

Il senso di questo articolo quindi è tentare di spiegarti cosa stai realmente acquistando quando ti rivolgi ad un hosting provider e di conseguenza come imparare a scegliere i servizi più adatti alle tue necessità. Solo la cognizione di causa può evitarci di compiere una scelta sbagliata, quindi di fare una cattiva esperienza che può anche condurci alla lamentela. Ma quanto abbiamo ragione di lamentarci di un provider, se abbiamo acquistato un servizio di hosting condiviso da poche decine di euro l’anno, pretendendo di farci funzionare sopra un sito web da 30.000 accessi quotidiani?

Il tuo provider di servizi hosting è certamente tenuto a venderti ciò che gli chiedi, ma spesso, quelli a cui interessa fare un buon lavoro, sono pronti a consigliarti sull’infrastruttura server più adatta nel tuo caso specifico, aiutandoti così a ponderare bene la scelta.

Prima di addentrarci nelle questioni più legate alla scelta pratica del server e del tipo di servizio hosting, proviamo a fare chiarezza con le definizioni di hosting e di server, così come riportate da Wikipedia:

Definizione Hosting

In informatica si definisce hosting (dall’inglese to host, ospitare) un servizio di rete che consiste nell’allocare su un server web le pagine web di un sito internet, rendendolo così accessibile dalla rete internet e ai suoi utenti. (rif. wikipedia).

Definizione Server

In informatica il termine server (dall’inglese, letteralmente serviente), indica genericamente un componente o sottosistema informatico di elaborazione che fornisce, a livello logico e a livello fisico, un qualunque tipo di servizio ad altre componenti (tipicamente chiamate client, cioè “cliente”) che ne fanno richiesta attraverso una rete di computer, all’interno di un sistema informatico o direttamente in locale su un computer. (rif. wikipedia).

L’hosting è quindi un servizio che attiene all’atto di ospitare il tuo sito web su di un server, cioè un computer che dovrà essere sempre acceso per poter trasmettere il tuo sito web online e renderlo accessibile da tutti gli utenti del web. Chi offre un servizio hosting deve poter gestire i server su cui il sito web verrà ospitato. Tali macchine possono essere di proprietà dell’hosting provider (appunto fornitore di servizi hosting) oppure no. Solitamente i grandi player di settore ospitano tutti i loro clienti in gigantesche server farm proprietarie, mentre i piccoli e medi provider si appoggiano a server farm esterne allestendo il proprio “parco macchine” all’interno di esse.

Tipologie di hosting e server

Esistono molti tipi di servizi hosting, così come anche i server sono diversi per tipologia e prestazioni. Se ad esempio hai mai sentito parlare di hosting windows e hosting linux, potresti già immaginare che tali differenze consentono una diversa gestione dei file ospitati sul server. Una macchina gestirà meglio i file di un certo tipo se monta un sistema operativo microsoft, così come ne gestirà meglio altri con un sistema open source come linux. Il discrimine qui è tutto nel software da gestire. Un hosting può essere di tipo shared (condiviso), dedicato, cloud o virtuale. Al mutare di queste caratteristiche impresse dal provider ai propri server, avremo macchine ottimizzate per gestire uno o più siti web dalle caratteristiche specifiche. Tra i servizi hosting ricordiamo anche la gestione del pannello plesk che ti consente di interfacciarti con il server, i servizi di tipo webmail e altri di questo tipo.

E rispetto al server? Se parliamo di server in questo caso ci riferiamo quasi sempre ad un computer. Le caratteristiche del server sono in questo caso esattamente le caratteristiche del computer. Ad esempio:

  • quali sono le caratteristiche generali della motherboard?
  • di quanta memoria dispone?
  • qual è la potenza di calcolo del processore?
  • gli hard disk sono ridondati?

Come si sceglie l’hosting?

A questo punto la decisione dovrebbe essere ponderata sia sul tipo di servizio hosting, sia sulle caratteristiche dell’hardware. È questo il passaggio sul quale solitamente la maggior parte degli utenti si trova in difficoltà. Insomma, molti si accontentano di acquistare un servizio hosting dedicato pensando che sia il massimo in termini di sicurezza e affidabilità, salvo poi accorgersi che il server dedicato di cui sopra presenta una configurazione hardware prossima a quella di un tablet o di un netbook, quindi inadatta a gestire grosse quantità di traffico.

Perché gli stessi servizi hosting hanno costi diversi?

Accade il più delle volte perché il servizio è lo stesso, ma il server è diverso. Purtroppo se non fai attenzione alle caratteristiche del computer che ospiterà il tuo sito web, rischi di trovarti nei guai per aver voluto risparmiare anche solo pochi soldi. Praticare la parsimonia in questo caso significa ponderare adeguatamente tutte le condizioni proposte dai diversi hosting provider e scegliere quello che ti fornisce la maggiore solidità rispetto alle necessità specifiche del tuo sito web in termini di risorse destinate.

Conclusioni

Lascia perdere chi ti consiglia il miglior hosting per wordpress o per prestashop. Concentrati piuttosto sul tuo progetto web e sulla sua reale necessità di risorse, non sul CMS migliore con cui svilupparlo. Informati il più possibile su cosa stai comprando e soprattutto su cosa ti serve(r). 🙂

Rispondi all'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.