Il Nome Dominio Influenza il Posizionamento?

domini-emd

domini emd

Tra le domande che leggo più frequentemente nel gruppo dei Fatti di SEO (ma non solo lì), c’è quella che riguarda la rilevanza di un nome dominio EMD (exact match domain) in termini di ranking per la parola chiave corrispondente. Una cosa che mi sembra evidente e che vorrei argomentare, è che se tante persone se lo domandano evidentemente i riscontri in merito sono diversi, quindi per prima cosa diciamo che a volte il nome dominio di tipo EMD spinge di più in serp, altre volte meno.

Pertinenza e Rilevanza di un documento web

Partiamo da qui. La pertinenza è la vicinanza semantica di un documento web rispetto a una query e più in generale a un ambito di ricerca. Google valuta la pertinenza per lo più sulla base di fattori endogeni, quindi interni al documento. La cosa interessante è che in effetti Google coglie i significati su base associativa e non interpretativa. Per questo motivo sono le co-occorrenze testuali all’interno del documento web a definire i significati, a escludere le polisemie e in sostanza a indirizzare la comprensione. A partire da questo passaggio si sviluppano le logiche di information retrieval.

Altra cosa è la rilevanza di una pagina web rispetto a una query, da cui invece si determina proprio il ranking che Google attribuisce ad un documento web perché ritenuto più meritevole. Qui, oltre ai fattori endogeni contano anche quelli esogeni come le menzioni e i link in ingresso da altri siti web.

Un nome dominio di tipo EMD, a patto che la keyword non sia polisemica, è un elemento che aumenta di certo la pertinenza dell’intero sito web rispetto alla query corrispondente e in alcuni casi sembra aumentare anche la rilevanza di un intero sito web rispetto alla stessa query o alle sue correlate. Ma succede sempre?

Il terrorismo psicologico di Google

Nel video in alto, l’ottimo Matt Cutts ci suggerisce di utilizzare un brandname come nome dominio e non una parola chiave. Come mai? Al momento in cui Cutts registrò questo video, il dominio EMD in effetti era un fattore di ranking abbastanza importante. Cutts era praticamente un libro aperto per i SEO più smaliziati. Lui diceva che non dovevamo fare link building e noi facevamo link building. In pratica il gioco era fare l’esatto contrario di quello che ci veniva detto di non fare, perché se ci dicevano di fare una cosa al posto di un’altra, evidentemente quell’altra funzionava e Google non era in grado di prendere contromisure efficaci… almeno nell’immediato.

Exact match domain penalty

E in effetti la penalizzazione un bel giorno arrivò, nel senso che Google nel computo dei ranking factors abbassò di molto la rilevanza del dominio EMD, di fatto creando un livellamento tra progetti web creati con e senza dominio a match esatto. Da quel momento la partita si smise di giocare sul terreno del nome dominio e si fece più organica all’intera struttura dei siti web in competizione.

Domini a match esatto in Italia

Ho letto notizie interessanti sul fatto che, a quanto sembra, il calo di rilevanza dei domini EMD abbia riguardato gli Stati Uniti più che l’Europa (e noi italiani in particolare). Di fatto, se in passato un dominio EMD con una landing page era spesso sufficiente ad ottenere un buon posizionamento, oggi in Italia il dominio EMD continua a spingere, ma solo a patto che sia afferente ad un progetto vero, strutturato e discretamente ottimizzato per i motori di ricerca. Anche da noi quindi il potere di spinta EMD si è ridimensionato, tranne che per alcune query, tutt’ora fortemente presidiate da siti web strutturati con nomi dominio EMD.

Come faccio a capire se mi conviene scegliere un dominio EMD o no?

Qualche anno fa non avrei avuto dubbi, ma oggi suggerisco di fare una cosa molto semplice: dai un’occhiata alle prime due serp risultanti per la tua query di interesse principale. Quanti siti web tra quelli ben posizionati hanno un dominio a match esatto? Questo tipo di osservazione è interessante proprio perché potresti accorgerti che le diverse serp hanno andamenti diversi sotto questo punto di vista. In alcuni casi troverai ben posizionati i siti con i domini EMD, in altri quelli più trust e in altri ancora troverai i siti migliori sotto il profilo qualitativo. Scegli quindi sulla base di quello che vedi… e non fermarti alla serp.

Osserva.

No Responses

Rispondi all'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.