Come fare lead generation con WordPress

Articolo di Federico Magni

Non sono in tanti a usare il termine lead generation in Italia, ma è uno dei trend più importanti nel web marketing estero che sta progressivamente prendendo piede anche nel nostro Paese.

In gergo tecnico, la lead generation è una strategia di marketing che ha come obiettivo l’ottenimento di un elenco di potenziali clienti a cui proporre i propri servizi.

lead generation con wordpress

Lead generation con WordPress

Qualsiasi attività commerciale ha bisogno di un mercato di riferimento a cui vendere un prodotto ed è proprio per questo che avere liste di persone interessate è uno dei metodi più efficaci per vendere online nei tempi moderni.

Questi potenziali clienti non sono solo nomi presi in qualche elenco, ma si tratta di uomini e donne che hanno visionato e interagito con il tuo blog e hanno espresso interesse a ricevere maggiori informazioni.

Il grande vantaggio per un’attività che porta a possedere una lista di contatti così qualificati è la possibilità di ricontattarli più volte nel tempo.

Se ci si limitasse a esporre un annuncio pubblicitario nel proprio blog, probabilmente si perderebbe il 95% dei visitatori che se ne vanno perché non hanno tempo o interesse in quel momento.

Queste persone non visiteranno più il sito in futuro e sarebbero potenziali clienti persi perché non è stato raccolto un indirizzo o un altro mezzo per contattarli.

 

Metodi per fare lead generation su WordPress

In un blog WordPress la creatività dei marketers ha prodotto vari modi per riuscire a ottenere le informazioni di contatto del pubblico e di seguito vediamo quali sono i più efficaci e semplici da implementare.

 

1. Landing Page

Il classico modo per fare lead generation è l’utilizzo di una landing page con un form a cui viene inviato il traffico proveniente da campagne pubblicitarie o da altre pagine del blog.

Effettuando una ottimizzazione della landing page è possibile migliorare il tasso di conversione di invio del modulo e conseguentemente ottenere più leads a parità di numero di visitatori e di spesa pubbicitaria.

 

2. Commenti con redirect

Se possiedi un blog, avrai notato che ogni tanto qualche utente particolarmente interessato all’argomento lascia un commento.

Questa è un’occasione d’oro per convincere questa persona a ricevere altre informazioni sui nostri servizi.

Tecnicamente basta usare un plugin come Yoast Comment Hacks che è in grado di mandare immediatamente l’utente a una landing page apposita dopo aver inviato il commento.

 

3. Optin form nelle pagine

Hai mai pensato di mostrare un form di richiesta informazioni a metà articolo o in altre posizioni rilevanti della grafica?

Potrai creare un modulo di contatto tramite Contact Form 7 e decidere dove mostrarlo grazie al plugin Ad Inserter, dopo aver selezionato in quali post, pagine e posizioni attivarne la pubblicazione.

 

4. Modulo nella sidebar

Un’altra posizione che riceve un buon tasso di conversione è la sidebar.

Basta trascinare il widget di default chiamato “Testo” per incollare il codice HTML del form e mostrarlo direttamente nella colonna laterale di ogni articolo o pagina del sito.

 

5. Lightbox Popover e Topbar

Un altro modo per ottenere lead è l’utilizzo di veri e propri popup che vengono mostrati al pubblico secondo alcune condizioni predefinite, ossia dopo alcuni secondi, dopo lo scrolling di 500 pixel o quando il mouse sta per uscire dalla pagina.

Uno dei più famosi plugin di questo tipo è ConvertPlug che risulta essere configurabile con un paio di clic.

Per massimizzare ancora di più le probabilità di convertire visitatori in lead esistono in questo plugin le cosiddette topbar, ossia delle strisce che compariranno in alto o in basso al sito con una chiamata all’azione e un form di iscrizione.

In conclusione, esistono molti modi, codici e plugin per rendere ogni pagina del tuo blog WordPress una sorta di calamita per convertire i normali visitatori in veri e propri lead a cui proporre successivamente i tuoi prodotti o servizi.

3 Commenti

  1. Luca Spinelli 22/06/2017
  2. Lorenzo 23/06/2017
    • Fabrizio Leo 27/06/2017

Rispondi all'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.