Perché devi essere disponibile coi clienti

essere-disponibile

Ecco perché devi essere disponibile


 

I tuoi clienti (e i loro progetti web) sono il tuo lavoro. Il tuo obiettivo non è solo guadagnare soldi, ma creare e produrre valore per i progetti che segui ogni giorno. I soldi sono una conseguenza di un lavoro ben fatto, la quantità e la qualità del lavoro dipendono da come ti comporti, SEMPRE.

Ora, premesso che tutti noi facciamo errori e che esistono le antipatie epidermiche, una cosa è la leggerezza di un momento, un’altra è prendersela con i clienti in quanto tali. 

Ma sono una massa di ignoranti che non capiscono niente e cercano sempre il modo di fregarti!

Ti rendi conto di quanto è pericoloso avere un atteggiamento del genere? Chi ti credi di essere, Einstein? Molto spesso chi ragiona così ha esattamente la stessa mentalità di quei clienti che gli stanno così antipatici. Sai che c’è? Se i tuoi clienti non ti piacciono mai, non sono loro ad essere sbagliati, sei tu. Se non ti piace NESSUNO, sono certo che anche tu passi il tempo cercando di fregare gli altri senza capire un accidenti di quello che fanno.

Il successo delle persone disponibili

Ti sembrerà banale, ma devi amarli i tuoi clienti e non solo loro, devi voler bene anche alle persone che si limitano a chiederti informazioni. Queste persone per il solo fatto di rivolgerti la parola ti stanno facendo un regalo e non importa se sono ricchi industriali o ragazzini senza arte né parte. Ti hanno contattato e solo per questo meritano il tuo rispetto, qualunque sia il tuo livello.

Poi ci sono quelli disponibili fin quando devono prendere il cliente, che il giorno dopo la firma del contratto cominciano a incattivirsi. questi sono i peggiori, perché oltre a essere poveri di spirito sono anche finti, si nascondono dietro buone maniere solo per interesse, raccontandoti storie meravigliose finte come il loro comportamento. Imbroglioni, indipendentemente dal fatto di saper fare il proprio mestiere, perché imbrogliano se stessi, prima che dei loro clienti.

Essere sinceramente aperti e disponibili d’altro canto, innesca un meccanismo virtuoso per cui il tuo nome comincia a girare senza che tu debba concepire chissà quali astruse strategie. Il butterfly effect, può innescarsi in qualunque momento. Non sarà un solo battito d’ala di farfalla a provocare il maremoto dall’altra parte del pianeta, ma di certo se cominci a volerti più bene e a trattare gli altri come vorresti essere trattato tu, finisce che le persone se ne accorgono… a tutti i livelli. 

Sì, ma il mio servizio è migliore

Non basta avere il servizio migliore. Conosco tante persone che preferiscono non affidare il proprio progetto web nelle mani di operatori dalle qualità comprovate, semplicemente per come dimostrano di comportarsi. Occasioni perse, non soldi, occasioni. Valgono molto di più.

Ok, sei bravo, ma ti piace davvero quello che fai? Perché è questa la domanda. Non sarà che a un certo punto sei diventato schiavo del tuo “successo” e non lo sopporti più? A queste persone, quando diventano scontrose, suggerisco di fare autoanalisi, perché potrebbero scoprire che tutto questo rancore lo provano verso se stesse, per l’incapacità di fare ciò che vogliono davvero, e magari nemmeno lo sanno quel che vogliono. Sveglia! 🙂

Concludendo: disponibili, non a disposizione

Ne parlava il solito Rudy Bandiera qualche tempo fa. Se l’idea di essere disponibile ti atterrisce perché pensi sia impossibile star dietro a tutti, ricorda che disponibile significa che ci sei, non che la tua vita è al servizio degli altri. Chi lavora sul web non è un missionario e di certo non è che possiamo morire per cambiare le cose. Fai la tua parte secondo coscienza, senza negarti e allo stesso tempo senza smettere di vivere per far felici le persone. Vivi la tua professione in equilibrio… e tutto andrà bene.

Rispondi all'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.