Come strutturare un giornale online

I giornali online sono siti web che pubblicano notizie legate a ciò che succede localmente, a livello nazionale o internazionale. Possono essere più o meno generalisti in base alla quantità di argomenti che affrontano. Sui giornali online ci sarebbero tante cose da dire, quindi va da sé che quest’articolo non può essere esaustivo su tutto il mondo delle web news, ma in questa sede mi fa piacere riflettere (magari insieme) su come strutturare il sito web di un giornale, tenendo conto delle tecnologie, dei motori di ricerca preposti e delle persone che dovranno fruirne i contenuti.

Giornale Online

Giornale Online

 

Prima ancora di lanciare il tuo giornale online ti suggerisco di dare un’occhiata alle linee guida per i contenuti e a quelle tecniche per essere listati correttamente su Google News consultando le guide del centro editori.

 

Requisiti tecnici

Ricorda che ora il motore News funziona con lo stesso robot di Google web, cioè lo user agent Googlebot, quindi i criteri di scansione sono i medesimi. Accertati solo che le pagine dei tuoi articoli utilizzino il formato HTML e il corpo del testo non sia incorporato in JavaScript, altrimenti potresti avere problemi.

 

Url e domini

Molto spesso i giornali si muovono sul “rabbocco” dell’articolo, soprattutto quando occorre fare molti aggiornamenti per la stessa notizia. Il rabbocco da un lato consolida i segnali di rilevanza perché evita di pubblicare troppe pagine sulla stessa notizia, ma dall’altro Google dichiara che non riescono ad eseguire la scansione della pagina www.tuosito.it/notizie1.html se ogni giorno viene visualizzato un articolo diverso. Per garantire che i loro link agli articoli funzionino correttamente, ogni articolo sul tuo sito di notizie deve essere associato a un URL univoco e tale URL deve essere permanente (ossia non può essere riutilizzato). In sostanza il rabbocco è un conto, ma cambiare completamente il contenuto della pagina tenendo lo stesso URL è un peccato mortale.

Allo stesso tempo Google ci invita a non modificare l’URL per uno stesso articolo. Per sua natura il motore di ricerca News lavora su siti web che hanno mediamente volumi di pagine e frequenze di pubblicazione molto più alti rispetto a quelli dei classici blog o siti web aziendali, per questo motivo (e per non fare confusione) chiedono espressamente di associare un URL ad una pagina in modo univoco. Insomma, evita di spostare cose sennò succede un casino!

Per quanto invece riguarda i domini, Google dichiara che non puoi utilizzare domini diversi per aree diverse dello stesso giornale, ma puoi eventualmente suddividerle utilizzando sotto domini di terzo livello oppure directory interne al dominio principale. Ad esempio Google News includerà tutti gli articoli di La Gazzetta di Esempio con link da esempio.com a sotto domini o altre directory come: notizie.esempio.com o esempio.com/sport.

 

Sotto domini o sotto cartelle?

A proposito, se Google ci segnala che possiamo utilizzare entrambe queste forme per compartimentare le aree di interesse, verrà naturale chiederci perché e quando usare gli uni o le altre. In linea di massima se il giornale tratta sempre argomenti interessanti per le stesse persone, quindi se ha un focus specifico – ad esempio un giornale orientato all’economia – ci si può muovere per sottocartelle utilizzando directory come miosito.it/argomento1/. Se invece il giornale tratta più argomenti molto lontani tra loro, come Gossip, Cucina, Tech etc., potrebbe essere opportuno separare le aree a livello più profondo, muovendosi con i sotto domini di terzo livello. Insomma, un conto è ilSole24Ore, un altro è Fanpage. Sono entrambe testate non locali, ma una ha un focus molto stretto, l’altra decisamente più ampio e generalista.

In linea generale trovo utile per un giornale generalista tenere le notizie di cronaca e di politica nel dominio principale ed eventualmente “splittare” le aree tematiche sui terzi livelli.

 

Giornali locali

Il web è pieno di testate locali, molto spesso davvero valide. Se ad esempio prendiamo il giornale della provincia di Palermo, un buon modo per strutturarlo può essere gestire le categorie come sotto cartelle, puntando principalmente su:

  • Cronaca
  • Politica
  • Eventi
  • Sport

Una volta gestito questo primo livello dell’architettura, svilupperei archivi trasversali per aree geografiche definite con il nome dei principali comuni della provincia. In questo modo tutti gli articoli sul singolo comune finirebbero nello stesso archivio ordinati per data, indipendentemente dall’argomento. Questo genere di incrocio tra argomento e zona produrrebbe a mio avviso un’ottima fruibilità del giornale. Non è l’unica possibilità, però mi piace.

Eviterei di tenere su di un giornale locale argomenti come “cucina”, perché non c’è alcuna vocazione locale nello sviluppare un foodblog come rubrica di un giornale centrato su di un’area geografica in particolare. Mi dirai le “ricette tipiche”, ma Google tenderà comunque a mostrare quelle che trova altrove, su siti web dedicati. Questo ragionamento vale per tutti gli argomenti che possono essere interessanti per gli utenti al di là di dove abitano.

 

Attività redazionali

In conclusione ricorda che un giornale deve periodizzare le pubblicazioni a intervalli regolari. Se esci con due o tre articoli alla settimana pubblicati quando capita, non ti sorprendere se Google ti darà poca visibilità. Una delle principali differenze tra Google News è Google WebSearch è che il primo è concepito per masticare volumi enormi di contenuti dando massima priorità alla loro freschezza, il secondo pur guardando queste stesse caratteristiche lavora assegnando più valore alla rilevanza nel tempo. Per un sito di news è normale che esistano centinaia di migliaia di pagine che non interessano più a nessuno perché vecchie, per un sito e-commerce no.

I giornali che funzionano davvero arrivano a pubblicare centinaia di articoli al giorno, quindi un “periodico” può non essere uno scherzo da gestire. Misura bene le forze e le disponibilità, e buon lavoro.

 

 

Rispondi all'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.