La fattura elettronica è davvero un fastidio?

Alvise Comin

Alvise Comin

La fatturazione elettronica è stata accolta da alcuni come una semplificazione del lavoro amministrativo, da altri come l’ennesimo fastidio a cui pensare. In questo panorama scomposto e talvolta resistente ai cambiamenti, ho fatto quattro chiacchiere con Alvise Comin, marketing manager di Danea, che dal 2015 cura la comunicazione di Fatture in Cloud. In particolare gli ho chiesto di descrivermi il rapporto tra professionisti/pmi e meccanismi di fatturazione, con tutte le difficoltà annesse alla “novità” della fattura elettronica.

 

Ciao Alvise, ci racconti i tuoi attuali focus lavorativi?

Ciao Francesco, molto volentieri. Dal 2013 sono il Marketing & Communication Manager di Danea e mi occupo anche del marketing e della comunicazione di Fatture in Cloud dal 2015.


Danea Soft e Fatture in Cloud sono due società
TeamSystem, gruppo leader in Italia nello sviluppo e nella distribuzione di soluzioni e servizi di ultima generazione per imprese e professionisti.

In particolare Danea e Fatture in Cloud sviluppano e offrono soluzioni gestionali per liberi professionisti, freelance, piccole e micro imprese. I nostri clienti sono quelle realtà che costituiscono il 99% delle PMI italiane.

Danea Easyfatt e Fatture in Cloud sono i due software gestionali più usati in Italia, il primo per quel che riguarda le soluzioni on-premise (in parole povere quelle che installi sul tuo pc) e il secondo per quel che riguarda le soluzioni SAAS (ovvero le cosiddette soluzioni cloud).

Il focus del nostro marketing è da sempre votato al digital, come la mia formazione professionale. Il web è senz’altro il nostro campo di battaglia preferito, anche se da qualche tempo ci siamo avventurati sui “vecchi media” e ti potrebbe essere capitato di vedere gli spot di Fatture in Cloud sul piccolo schermo, di “sentirci” alla radio mentre in auto ti rechi da un cliente, di “vederci” tra le pagine di un quotidiano nazionale o “incrociarci” su di una grande affissione milanese.

La nostra filosofia si può riassumere in 4 parole: Prova. Impara. Migliora. Ripeti.

Insomma, facciamo molte cose, ma di certo non ci annoiamo! 🙂

 

Quali canali di comunicazione vi hanno prodotto i migliori risultati negli ultimi mesi?

Indubbiamente i pilastri alla base della nostra strategia sono senz’altro organic search, paid search e, soprattutto per quanto riguarda Fatture in Cloud, il social.

Nell’ultimo anno gli investimenti televisivi ci hanno regalato grandi soddisfazioni. Molte energie sono state spese per la misurazione e l’analisi dei risultati delle attività adv sul piccolo schermo e queste hanno ampiamente ripagato gli sforzi. Abbiamo avuto anche l’opportunità di presentare l’impianto d’analisi in questione durante il Web Marketing Festival 2018.

Quando abbiamo iniziato a investire in TV tutti ci dicevano che non era possibile misurare i singoli spot e che l’investimento poteva essere valutato solo nel suo insieme e su periodi dilatati attraverso metodi d’analisi tradizionali che non ci convincevano e che ci sembravano troppo distanti dal business.

Oggi, grazie soprattutto all’intuizione e al lavoro di Daniele Ratti (CEO e fondatore di Fatture in Cloud), siamo in grado di valutare l’impatto business di singoli spot / canali / programmi / fasce orarie e di ottimizzare gli investimenti con costanza e risultati.

 

Come “coltivate” il rapporto con i vostri clienti nel tempo?

In Danea come in Fatture in Cloud il rapporto con i nostri clienti parte dall’esperienza utente con il software gestionale. Easyfatt e Fatture in Cloud, pur essendo due prodotti molto differenti tra loro, nascono dalla medesima spinta: fornire una soluzione gestionale semplice agli imprenditori e ai professionisti italiani. Sembra un concetto scontato, ma non lo è affatto.

I gestionali storicamente sono nati dalle esigenze di grandi realtà e per essere utilizzati da personale con formazione e competenze specifiche. Easyfatt e Fatture in Cloud nascono invece per essere usati dagli imprenditori e i professionisti stessi, utenti che spesso non hanno competenze contabili avanzate. Questo significa che la semplicità di utilizzo è il punto di partenza e al contempo l’obiettivo principe degli sforzi di sviluppo.

L’ascolto e il confronto continuo con i clienti riveste quindi un ruolo fondamentale per garantire il risultato. Riceviamo costantemente suggerimenti e stimoli da parte dei clienti e ognuno di questi viene valutato attraverso specifici iter che ci permettono di migliorare costantemente i prodotti.

A completare il quadro, la creazione e gestione dei contenuti, negli ultimi anni, è stato un focus di altissimo rilievo. I contenuti di formazione all’uso dei software (manuali, guide tecniche, seminari online, video tutorial) sono solo una parte del lavoro. Il blog Danea, che oggi conta oltre 3 milioni di utenti unici anno, e contenuti come la Guida Freelance di Fatture in Cloud sono il naturale veicolo del know-how dell’azienda: esporre in maniera semplice e pratica tematiche spesso molto complesse.

La produzione di contenuti di intrattenimento è una delle nuove strade che abbiamo percorso nel corso del 2018, strada che senz’altro continueremo a esplorare nei prossimi mesi visti gli ottimi risultati osservati.

 

Quanto conta stringere buone partnership per un progetto tecnologico?

Quando si parla di partnership si pensa spesso alle sole collaborazioni legate allo sviluppo di funzionalità e servizi legati ai prodotti, oppure alle collaborazioni commerciali. Senza dubbio queste collaborazioni sono ingredienti chiave che possono portare grande valore a un progetto. Penso solo alla continua collaborazione con il gruppo Cerved o con PayPal.

In quanto marketing manager mi piacerebbe però sottolineare il ruolo fondamentale di quei partner troppo spesso non nominati nella comunicazione ufficiale: i consulenti, le agenzie, i collaboratori freelance e tutto quel mondo che supporta il business senza farne parte, ma impegnandosi spesso come se il progetto d’impresa fosse proprio.

In questi 5 anni credo di aver avuto l’onore di lavorare con alcuni professionisti eccezionali, fornitori che con il loro impegno e competenza si sono rivelati fondamentali per il raggiungimento dei risultati odierni.

 

Come pensi si svilupperà il vostro mercato di riferimento rispetto alle aziende concorrenti?

La fatturazione elettronica, oggi, è senza dubbio La Priorità. Essere leader di mercato in un momento come questo è un vantaggio e una grande sfida al contempo. Ma, per non perdere la rotta è necessario tenere sempre un occhio puntato al futuro. 

I vantaggi competitivi nei mercati odierni hanno vita breve e devi essere in grado di sfruttarli mentre prepari la prossima mossa che produrrà il prossimo vantaggio competitivo. Fortunatamente la rotta che abbiamo intrapreso e la vision sono chiare: creare un ambiente a misura di piccola impresa che metta per la prima volta al centro l’individuo.

All’orizzonte il nostro obiettivo è quello di offrire un set di strumenti pensati per semplificare la vita di imprenditori e professionisti. Un ecosistema costruito a misura di piccola impresa e professionista che parte dal software gestionale e già con il nuovissimo Dipendenti in Cloud (primo spin-off di Fatture in Cloud) guarda ai passi per il futuro.

Il fil rouge è sempre quello: semplificare la vita a chi fa impresa e al contempo massimizzare il rapporto con i consulenti che la accompagnano. Le figure del commercialista e del consulente del lavoro sono già oggi fondamentali per le imprese e nei prossimi anni lo saranno sempre di più. Così come i consulenti SEO e più in generale di digital marketing. 😉

Rispondi all'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.