Come Impedire che gli Spam Bots Falsino le Metriche Referral

Come difendersi dagli spambot

Come difendersi dagli spambot

Wow, un picco di traffico sul mio account analytics, Evviva!

Peccato che controllando le sorgenti di traffico, ci accorgiamo che si tratta di spam bot e non di visite da parte di utenti veri. Esistono infatti diversi siti web che per vari motivi visitano il tuo sito (a mezzo software) con la sgradevole conseguenza di falsarti le metriche referral. Questa pratica sembra andare avanti da alcuni mesi ed ho letto in giro diversi articoli che parlano ad esempio di come eliminare il problema delle visite provenienti da Semalt.

Gli spam bot sono solo una parte del problema. Consulta la nostra guida completa allo spam. Salvati ora che ancora puoi!

Come risolvere il problema

Jader Gardner (che non è un mio parente) ha scritto su Moz un articolo in cui spiega come risolvere definitivamente il problema delle visite provenienti da referral non umani, ma automatici. I passaggi sono 2 e sono molto semplici.

1) Bloccare l’accesso al sito web tramite il file .htaccess. La sintassi per fermare questo genere di visite è la seguente:

# Block Russian Referrer Spam
RewriteEngine on
RewriteCond %{HTTP_REFERER} ^http://.*ilovevitaly\.com/ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} ^http://.*ilovevitaly.\.ru/ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} ^http://.*ilovevitaly\.org/ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} ^http://.*ilovevitaly\.info/ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} ^http://.*iloveitaly\.ru/ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} ^http://.*econom\.co/ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} ^http://.*savetubevideo\.com/ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} ^http://.*kambasoft\.com/ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} ^http://.*buttons\-for\-website\.com/ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} ^http://.*semalt\.com/ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} ^http://.*darodar\.com/ [NC]
RewriteRule ^(.*)$ – [F,L]

2) Filtrare gli indirizzi sospetti tramite Google Analytics

Si tratta di accedere all’amministrazione del proprio account Analytics e selezionare la vista del sito web sul quale intervenire. Tra le varie opzioni a disposizione sotto la vista, c’è quella di creare un nuovo filtro che potrai settare per bloccare tutte le visite provenienti da un singolo paese o tutte quelle provenienti da un singolo sito web. È abbastanza semplice, basta creare un filtro di tipo custom, come nelle immagini che riporto qui sotto:

filtro spambot per nazione

filtro spambot per nazione

 

filtro per bot

filtro per bot

Ma perché si verifica questo fenomeno?

Se è vero che in questo periodo diversi blogger stanno producendo articoli in cui mostrano le contromisure da mettere in campo per “pulire” il proprio sito web da questo genere di visite, devo dire che ancora in pochi si sono domandati il motivo di questo strano fenomeno. Insomma, abbiamo capito come avviene e come liberarcene, ma perché succede?

Innanzitutto facciamo un distinguo tra bot come quelli di Semalt, facenti capo a progetti di web monitoring e bot del tutto anonimi, che producono visite da siti web che non esistono come social-buttons.com.

Posso ipotizzare (attenzione, sto solo ipotizzando) che ci sia di mezzo un nuovo tipo di SEO negativa che colpisce solo chi non riceve visite da questi bot.

Mi spiego: Google potrebbe leggere le visite come un’attestazione della qualità del sito. Se nella stessa serp tutti i siti web ricevono tante visite tranne uno, evidentemente quell’unico sito non merita di essere su quella serp. Sotto questo aspetto i bot potrebbero portare traffico a tutti i siti tranne a quello che si intende far retrocedere. Un’autentica malignità!

Dimmi la verità, ci avevi pensato anche tu o sono l’unico psicopatico in circolazione?

16 Commenti

  1. Alessia Martalò 10/04/2015
  2. Danilo 10/04/2015
  3. Gabriele Hoffer 10/04/2015
  4. roberto 10/04/2015
  5. Debora 10/04/2015
  6. Angelo Loizzo 11/04/2015
  7. Tommaso 13/04/2015
  8. Andrés 13/04/2015
  9. Frank 15/05/2015
    • Fabrizio Leo 29/05/2015
  10. seospritz 08/04/2016
  11. Domenico 17/04/2016
    • Fabrizio Leo 18/04/2016

Rispondi all'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.